Luigia Gesualdi
La dormigliona impulsiva

Dopo una cena piccante nel mese di novembre del 1979, Luigia abbandona il ventre materno alle cinque del mattino, mal volentieri. La sua indecisione sul da farsi la porta immediatamente a schiacciare un pisolino, abitudine che porta avanti ancora oggi. Cresciuta da padre rock e madre pop-rock si appassiona al mondo della comunicazione non verbale, in particolar modo al mondo delle immagini, vivendo molto spesso la sua vita come se fosse un videoclip musicale. Intraprende presto il viaggio dentro se stessa. Inizia gli studi giuridici ma si laurea in scienze della comunicazione. Ama la fotografia, la musica e il cinema. È affascinata dal mondo della comunicazione oltre le parole e scrive racconti e poesie che lascia nel cassetto. Ha insegnato comunicazione, suonato la chitarra, ama le sue piante, adora viaggiare e cucinare le riesce bene. Le piace chiamare le cose con il loro nome e combatte quotidianamente con la sua impulsività. Come ogni buon viaggiatore ama perdersi per visitare il luogo ignoto che è dentro di sé e poi ripartire.

 

Ama le risate che tolgono il fiato, la musica, il cinema, la fotografia, la pizza, il profumo dell’aria poco prima che piova, tutto ciò che considera famiglia.

Odia le bugie, l’egoismo, il senso di colpa, la superficialità dei sentimenti, gli scarafaggi, l’apostrofo tra qual ed è.

La sua keyword è rock’n’roll.

Il suo sogno è non smettere di credere che sia possibile.

CONTACT ME
I SOULTROTTERS DI Luigia