Martina De Camillis
La ladra di leggerezza

Nata in Veneto, Martina si è poi trasferita in Molise e successivamente a Milano, dove ha frequentato l'università e imparato a cucinare il risotto. Da piccola adorava perdersi per strade che non conosceva e, quando i genitori cercavano di riportarla a casa, si ribellava sostenendo che l’asfalto avesse “il profumo della libertà”. Essendo piccola per allontanarsi troppo, l’unica alternativa che aveva era la lettura. Si perdeva nei racconti, nei dialoghi, nelle descrizioni di luoghi sconosciuti (aveva un debole per quelle di Isabel Allende). Una volta cresciuta ha scoperto quanto fosse bello e liberatorio scrivere e oggi scrive per ordinare, per ricordare, per imparare e per raccontare. Le piacciono i lunghi viaggi in macchina, le tiepide sere di giugno e il profumo del tiglio. Ama la letteratura, la bella musica, l'arte, la vertigine, la leggerezza... Ritiene che proprio quest'ultima sia una delle qualità indispensabili per riuscire a guardare alla vita in modo sereno, e quindi cerca di apprenderla da coloro che la possiedono. In sintesi: ama la bellezza, che usa come criterio con il quale comporre la sua vita. 

 

Ama i tulipani, la frutta, il vento, il cielo e le citazioni.

Odia le persone che parlano del tempo e sbucciare la frutta. 

La sua keyword è bellezza.

Il suo sogno è vivere in una casa bianca con delle persiane verdi, il tetto in legno e un grande giardino pieno di fiori. 

CONTACT ME
I SOULTROTTERS DI Martina