Amelia Earhart
L'aviatrice soprannominata Lady Lindy
READ SOULTALE / Volevo volare

Per una come me non poteva esserci morte migliore. Morire in volo, sparire nel blu dell’oceano, da un cielo a un altro cielo, senza lasciare traccia. Diventare leggenda, dopo essere stata leggenda nella vita.

Era l’ultimo volo, l’avevo promesso, l’ultimo primato. L’ultima impresa impossibile. Una sfida a me stessa e un’affermazione di me stessa, unica donna in un mondo di soli uomini. Ma chissà se avrei mantenuto la promessa. Il volo è un vizio, un’ubriacatura. Chissà se veramente avrei smesso di volare.

Io ho potuto realizzare i miei sogni, perché lo volevo, fortissimamente. Io sono stata felice, molto e molte volte, nel frastuono dei motori e nell’ebbrezza dell’altitudine, senza confini. Ho trovato nel cielo la mia dimensione e la leggerezza che ho sempre cercato. La pienezza e il Sublime. Sì, è stato un privilegio.

E lo dico a te, ragazza nata cent’anni dopo in un mondo mai abbastanza diverso, perché non dimentichi che anche tu, come me, puoi realizzare qualsiasi cosa decidi di fare. Puoi agire per cambiare e controllare la tua vita. Ed è il percorso, è il cammino la vera ricompensa. Se vuoi una cosa, se la vuoi veramente, devi crederci, tu per prima. E partire. Le paure sono tigri di carta.

ABOUT / Amelia Earhart
Public domain.

Amelia Mary Earhart (Atchinson, 24 luglio 1897 – Oceano Pacifico, 2 luglio 1937) è stata un'aviatrice statunitense. Leggenda vivente, padrona del proprio destino, personalità vitale e decisa, è stata l'emblema della donna emancipata. Molti i suoi primati: prima donna ad attraversare in solitaria l’Atlantico (1928), primo pilota ad aver attraversato sia l’Atlantico che il Pacifico. Scompare nel 1937, durante la sua ultima impresa: la circumnavigazione del globo lungo l’equatore.

SOULSPECIAL