Banksy
Il writer che vede oltre i muri
READ SOULTALE / Off the wall

Avete presente Pink? Il protagonista di quel disco che parla di un muro? Quello che diventava pazzo a furia di aggiungere bricks in the wall? Magari la sua follia non è poi così diversa dalla nostra. Magari siamo noi Pink, tutti noi che costruiamo muri e barriere. Non c'è niente di sano nel tirare su muri, niente di bello nel vivere divisi, niente di bello quando i muri non hanno finestre, non si possono scavalcare, non ci permettono di vedere cosa c'è dall'altra parte e sono così alti da non lasciarci vedere il cielo. Ci costruiscono prigioni intorno, ci mettono in celle d'isolamento anche se siamo innocenti. È una cosa folle. 

Ma non la più folle. La cosa più folle è che c'è qualcuno che pensa che i muri dovrebbero restare tutti grigi, o bianchi, che sia normale e giusto così, che se fai qualcosa per renderli – almeno un po' – belli, ti chiama vandalo, ti sgrida come se fossi un bambino che imbratta le pareti dell'asilo. Ma immaginate un asilo dalle pareti completamente grigie, in cui sia vietato appendere poster e disegni: non lo capireste, allora, un bambino che volesse ribellarsi e si mettesse a spargere tempera? Noi siamo i bambini rinchiusi in quell'asilo senza colori: non è forse normale volerlo abbellire? Io credo che lo sia, e allora lo faccio.

Non posso tirare giù i muri ma posso, a modo mio, aprire delle finestre. The child is grown, the dream is gone, I have become comfortably numb, cantava Pink. Io invece vorrei non crescere troppo, non lasciar andare via i sogni e non chiudermi tra mura bianche di comoda indifferenza.

ABOUT / Banksy

Banksy (Bristol, 1974?) è un writer inglese. Misteriosa star della street art, con i suoi stencil che appaiono su muri, gabbie e segnali stradali di tutto il mondo, polemizza e ironizza su temi di politica, cultura e questioni sociali, dal conflitto Israele-Palestina a Paris Hilton. Inizia la carriera nella natia Bristol, nella crew Bristol's DryBreadZ, per poi mettersi in proprio e conquistare Londra, Los Angeles, Barcellona, con i suoi topi ribelli, poliziotti omosessuali e guerriglieri pacifisti. Nel 2010 gira Exit Through The Gift Shop, geniale documentario sulla nascita di un fenomeno artistico.

SOULSPECIAL