Beatriz Preciado
La filosofa che supera l'identità
READ SOULTALE / Noi siamo tutti i nomi del mondo

Quando ci vengono a dire voi siete donne e voi siete uomini, quando ci vengono a dire voi siete normali e voi siete gay, quando ci vengono a dire voi siete terra e voi siete cielo, ridiamo e gridiamo forte: No!. Nessuno di noi è soltanto il qualcosa già creato, nessuno di noi è il nome che ci è stato dato, nessuno di noi è quello che la natura e il potere pretendono che siamo. Noi siamo infinitamente più di questo o quello: ognuno di noi è terra e cielo, ognuno di noi è merda e dio.

Siamo liberi. Liberi di essere tutto quello che sentiamo, liberi di andare al di là dei confini, delle barriere, dell’orizzonte, del nostro stesso io. Noi siamo un noi, un noi che grida forte e ride e ama: ama ognuno di noi lasciandolo libero di crescere, costruirsi, distruggersi, ricrearsi, ricominciare. Vogliamo vivere senza dover chiamare le cose con un nome solo, il mondo con un nome solo, la vita con un nome solo. Senza dover chiamare l’amore: Amore.

C’è un luogo che non ha nome, un luogo che non si può chiamare, un luogo dove tutto è l’insieme di ciò che siamo. È tempo che iniziamo a incamminarci per raggiungerlo. Liberi di non doverlo raggiungere, mai.

ABOUT / Beatriz Preciado

Beatriz Preciado (Burgos, 1970) è una filosofa spagnola. Ha approfondito e sviluppato la teoria queer che rifiuta l’identità di genere e l’identità sessuale: le identità non sono naturali, ma costruite socialmente, perciò gli individui non possono essere descritti usando termini generali come donna o eterosessuale. Il pensiero queer rivoluziona il senso comune che tende a incasellare la descrizione di una persona in specifiche categorie predefinite.

SOULSPECIAL