Carlo Petrini
L'uomo che insegna a gustare con lentezza
READ SOULTALE / Diritto al piacere

Prendi una cosa che piace a tutti. Prendi una mela. Guardala: è bella, lucida, colorata. Toccala: è liscia e pulita. Annusala: profuma di fresco. Mordila: è croccante, dolce e un po' aspra. È buona. Adesso prendi una mela vera – oggi si dice biologica. Guardala: è un po' meno colorata, meno lucida. Toccala: non è tanto liscia e pulita. Annusala: il profumo è più fresco, più intenso. Mordila: è più dolce, più aspra. Più buona. È un piacere vero. Gustala, ne hai diritto. Tutti ne hanno diritto. 

Il piacere non può essere un lusso, il piacere deve essere un diritto fondamentale. Il cibo è un piacere, uno dei più profondi, uno dei più irrinunciabili. E ci appartiene, riprendiamocelo. Ce l'hanno preso, l'hanno rubato, snaturato, privato della sua perfetta imperfezione. Gli hanno tolto l'anima e il sapore, l'hanno impacchettato, plastificato e ci hanno venduto l'idea che fosse meglio così. Ci hanno venduto l'idea inquietante, mascherata da verità rassicurante, che un piacere finto, sempre pronto e sempre uguale fosse più giusto della ricerca, dell'attesa, della scoperta di piaceri antichi e sempre nuovi, di piaceri vivi. 

Prendi quella mela “vera”, toccala, guardala, annusala, mordila: senti? Sa di terra. È da lì che viene, le appartiene. Come noi. È uno dei tanti regali meravigliosi che ci fa. E sai quale sarebbe la cosa più bella, se non fossimo così stupidi ed egoisti da fare finta di non saperlo o di dimenticarcene? Che di queste meraviglie che ci dona la terra - generosa ed equa come solo le madri sanno essere - ce n'è per tutti.

ABOUT / Carlo Petrini
Creative Commons. Author: Bruno Cordioli.

Carlo Petrini (Bra, 22 giugno 1949) è un gastronomo italiano, teorico del mangiar sano e del gusto come diritto, piacere e strumento di conoscenza. Dopo gli studi di sociologia, affianca all'impegno politico quello per una riscoperta dei sapori autentici contro il potere sempre più totalitario della cultura del fast food. Nel 1986 fonda il movimento Slow Food e dà vita a manifestazioni come il Salone del gusto e Terra madre. Sempre in prima linea in battaglie per la salvaguardia della biodiversità e della sostenibilità – in primis quella contro gli OGM – secondo Time Magazine è uno degli eroi del nostro tempo.

 

SOULSPECIAL