Dave Gahan
Il cantante che visse due volte
READ SOULTALE / L'amore me lo merito

Ogni sera hai davanti a te cinquantamila persone che urlano il tuo nome, che urlano di amarti, che fanno quello che gli dici di fare e cantano quello che gli dici di cantare. Sei bello, ricco e famoso. Sei una rockstar. E pensi di non meritartelo. Pensi di non meritare quelle urla e quell'amore. Come pensi di non meritare la stima di quel compagno di band che scrive le canzoni, di cui cerchi lo sguardo ogni volta, in attesa di un gesto di approvazione che non arriva mai. Come pensavi di non meritarti l'amore di quel padre che se n'è andato senza una parola, quando avevi appena iniziato a conoscerlo. E pensi di non meritare nemmeno l'amore di tua moglie e di tuo figlio.

Allora l'unica soluzione che trovi è nasconderti. Mascherandoti dietro le sembianze che, secondo la tua nuova donna, dovrebbe avere un vero rocker. Indossando le canzoni fino a scomparirci dentro e perdertici.
Provare a sparire davvero e per sempre. Provarci tante di quelle volte che i tuoi amici ti chiamano Il gatto. Tornare a casa dopo esserci quasi riuscito, dopo che il tuo cuore è rimasto fermo per due minuti, e farlo ancora, perché hai meno paura di morire che di guardarti allo specchio.

Ma alla fine ti ci guardi, nello specchio, anche se lo fai solo perché sei costretto, perché altrimenti finisci in galera.
Ti guardi negli occhi, e inizi ad ascoltarti, e ad ascoltare, ci metti tempo, e dolore e fatica, ma alla fine lo capisci: che non posso essere perfetto, che ho fatto errori e ne farò ancora, che litigherò con i miei figli, che prenderò delle note sbagliate, ma non sono sbagliato. E l'amore me lo merito.

ABOUT / Dave Gahan

David “Dave” Gahan (Chigwell, 9 maggio 1962) è un cantautore e musicista britannico. A diciott'anni, dopo un'infanzia difficile e un'adolescenza da piccolo criminale, viene notato da Vince Clarke, mentre canta Heroes di David Bowie durante una jam session improvvisata, e diventa il frontman dei Depeche Mode, ruolo che ricopre tutt'ora, con parentesi soliste e insieme ad altri gruppi, come i Soulsavers. All'apice del successo, negli anni novanta, per problemi personali e dissapori con i compagni di band, cade in una spirale di depressione e tossicodipendenza. Sopravvissuto a un numero imprecisato di overdose e tentativi di suicidio, riesce a disintossicarsi definitivamente dopo un'overdose di speedball in seguito alla quale resta clinicamente morto per due minuti e viene poi arrestato. Nel 2011 gli è stato assegnato lo Stevie Ray Vaughan Award per il suo impegno con MusiCares MAP Fund, un'organizzazione per il recupero dei musicisti tossicodipendenti.

SOULSPECIAL