Epicuro
Il filosofo della felicità e del piacere umano
READ SOULTALE / La pienezza del presente

La luce che entra dalla finestra invade la stanza. Al di là della luce si intravede il giardino. Ma la luce mi riempie gli occhi. Pervade, inonda, allaga. Tendo le dita a sfiorare il legno del ripiano accanto. Quante volte ho compiuto questo gesto nella vita? Quante volte, nel corso degli anni in cui queste dita hanno cambiato forma, si sono riempite di pieghe, si sono accartocciate, distese, rinchiuse, protette? Ho sempre lasciato che fosse importante, come lo è in questo momento? Il pensiero mi fa sorridere.

È qui, non altrove. Qui, in questa stanza, la punta delle mie dita secche è a contatto con i nodi di questo legno. Io sono qui, sdraiato, mentre il mio corpo, invaso dalla luce, è teso alla percezione della punta delle dita. Sui millimetri della mia pelle si disegna il ruvido sfregare del legno, delle sue imperfezioni, della sua brusca e grezza consistenza. È un incontro, è una scoperta.

È adesso, non prima, non dopo. È ora, proprio ora. Proprio quest’istante in cui le mie dita si sporgono attraverso gli spessi e densi strati d’aria luminosa per conoscere, forse per la decima, la millesima, la milionesima, ma di nuovo per la prima volta, lo stupore della pelle contro il legno.

La luce entra. Attraversa l’aria e gonfia il respiro della camera, in quest’ora quieta e pacata in cui posso ascoltare il silenzio. L’aria non fa rumore, le mie dita nemmeno. Lascio che la luce, il legno, il silenzio mi pervadano. Lascio che la tenue pace dell’ora e del qui mi appaghino. Non ho timore. Mi sono concesso la libertà di scegliere di vivere, ogni istante, in ogni istante. Mi sono concesso di abbattere la paura a colpi di intensità. Inspiro. Espiro. La luce galleggia. Il silenzio bisbiglia. Le mia dita si arrestano. L’istante dell’inizio del nulla avrà altrettanto valore di tutti i precedenti.

ABOUT / Epicuro

Epicuro (Samo, 10 febbraio 341 a. C - Atene, 271 a. C.) è stato un filosofo greco antico. Vissuto a cavallo tra il III e il II secolo a. C., fu il primo grande pensatore a spostare la riflessione filosofica dalla speculazione sulla finalità e il senso del cosmo e dell’uomo al principio etico del diritto e dovere filosofico alla felicità e al piacere umani. Fu il fondatore di una delle maggiori scuole filosofiche dell'età ellenistica e romana, l'epicureismo, che si diffuse dal IV secolo d. C. fino al II d. C.

SOULSPECIAL