Gianni Rodari
Il maestro della fantasia
READ SOULTALE / A sbagliare le storie

Quanti modi ci sono di raccontare una storia? Infiniti!, mi rispondono in coro i bambini. 

E come deluderli? Ci sono le favole classiche, quelle che conoscono tutti. Ma ci sono anche le favole a rovescio dove Cappuccetto rosso spaventa il lupo, la Bella addormentata soffre d’insonnia, il Principe sposa la sorellastra mentre Cenerentola rimane in cucina a girare la minestra. Si può giocare alle favole sbagliate, allegre e scombinate, di chi ha perso la memoria.

Esistono filastrocche per inventare i numeri e le tabelline - sentite un po’ questa: tre per uno Trento e Belluno, tre per due bistecca di bue, tre per tre latte e caffè…

C’è chi, come il ragionier Bianchi che è distante per lavoro, racconta le favole al telefono perché non vuol rinunciare a dare la buonanotte come si deve alla sua bambina.

Ci sono le avventure di Giovannino Perdigiorno, gran viaggiatore e famoso esploratore, che scopre ogni volta posti meravigliosi: il paese con l’esse davanti o quello degli uomini di burro, che vivono dentro i frigoriferi per non squagliarsi al sole.

In questi mondi di carta ci sono topi che mangiano i gatti, semafori blu in piazza Duomo, strade di cioccolato - vicino a Barletta - e caramelle istruttive per tutti i gusti.

Le più belle sono le storie che prendono in giro la guerra e le poesie universali che abbracciano tutta la terra.

Si può guardare il mondo ad altezza d’uomo, ma anche dall’alto di una nuvola.

Nella realtà si può entrare dalla porta d’ingresso o infilarvisi – è più divertente! – da un finestrino!

ABOUT / Gianni Rodari

Gianni Rodari (Omegna, 23 ottobre 1920 – Roma, 14 aprile 1980) è stato scrittore, giornalista, insegnante e pedagogista. Unico autore italiano per l’infanzia ad aver vinto, finora, il premio Andersen (1970). È amato in Italia e all’estero e suoi migliori critici sono i bambini della scuola primaria. La sua unica opera teorica, La grammatica della fantasia, è uno dei capisaldi dell’arte di inventare storie.

SOULSPECIAL