Herb Brooks
L'allenatore che visualizzava l'impossibile
READ SOULTALE / You win with people, not with talent

I grandi momenti sono nati da grandi opportunità.
Quella sera nello spogliatoio faceva freddo, e la tensione la si poteva cogliere nell’aria. Era dura come un pezzo di legno, e come nebbia pervadeva i nostri sguardi. Avremmo giocato contro la Russia, e la Russia era stata campione del mondo. Non una, ma quattro volte campione del mondo.
Gli sguardi dei miei ragazzi, quelli sì che me li posso ricordare. A uno a uno. Spaventati. Le mie parole a urtare contro le gelide piastrelle bianche e blu e a ribaltarcisi contro.
Che cosa potevo fare io? Giocare al posto loro? Avessi potuto, lo avrei fatto. Ma l’unica verità è che io non avevo mai giocato al posto loro, nemmeno ai miei tempi. Sono stato l’ultimo eliminato prima che la selezione americana partisse per le Olimpiadi. Questa la – pura – verità. Che cosa potevo dire io, che loro già non sapevano? Loro sapevano meglio di me. Molto meglio di me.
Ed è una grande opportunità che avete, stasera, ragazzi.
Giuro, non ero neanche convinto io di quello che stavo dicendo. Ma erano loro che guidavano le mie parole. Loro, con quegli sguardi liquidi di cervo, come se da me dovesse venire fuori chissà quale parola. Chissà quale verità. A illuminare loro, che erano quelli che giocavano.
E questo è quello che avrete.
Questo è quello che vi siete meritati.
Una partita e basta.
Se ne giocassimo dieci, loro probabilmente ne vincerebbero nove.
Ma non questa partita. Non stasera.
L’ho visto nei loro occhi. Non so bene che cosa ho visto, ma qualcosa l’ho pur visto chiaramente. Un qualcosa che stava lì, sperso in mezzo al ghiaccio, al freddo, agli allenamenti, al vapore acqueo delle docce bollenti, e ai litigi, oh sì, quanti litigi. E anche in mezzo a qualche pianto. Era confuso, eppure distinto e nitido come il ghiaccio.
Stasera noi siamo la più grande squadra di hockey al mondo.
L’ho visto nei loro occhi. Non l’ho detto io. Sono loro che l’hanno detto a me.
Questo è il vostro momento!
Andate fuori e vincete!
E campassi cent’anni, io non ci avrei mai creduto se non me l’avessero detto loro.

ABOUT / Herb Brooks
Public domain.

Herbert Paul Brooks (St. Paul, 5 agosto 1937 – Forest Lake, 11 agosto 2003) è stato un allenatore di hockey su ghiaccio e hockeista statunitense. È conosciuto per aver portato la nazionale di hockey su ghiaccio statunitense, composta sostanzialmente da seconde scelte e giocatori di campionati universitari e a fine carriera, ad aggiudicarsi una medaglia d'oro olimpica ai XIII Giochi olimpici invernali nel 1980, battendo in semifinale la nazionale russa in una partita che è stata ribattezzata il miracolo sul ghiaccio. La nazionale russa era giudicata l’indiscussa favorita e aveva vinto le quattro edizioni precedenti. Sapendo di non avere a disposizione giocatori talentuosi, Herb Brooks puntò tutto sullo strenuo allenamento fisico e sull’incentivazione motivazionale, giungendo a dei risultati totalmente inaspettati.

SOULSPECIAL