Marco Polo
L'esploratore di città invisibili
READ SOULTALE / Un Milione di viaggi da raccontare

A voi che ascoltate narrerò delle migliaia di miglia che ho percorso, delle ricchezze del mio Signore, Grande Kan, e di tutto ciò che ho veduto.
 
Ho visitato luoghi abitati da gente feroce che si ciba di umani conditi con le spezie, e altri posti dove uomini e donne sono neri e ignudi e senza vergogna, altri ancora dove gli unicorni si rotolano nel fango e i grifoni sono uccelli con grandi ali e artigli.

Mille e mille altre cose ho visto lungo la strada e nelle terre del Catài.

Ho visto Cloe, dove le persone passano per le vie e non si conoscono.

Ho visto Zirma, dove ognuno torna con dei ricordi ben distinti.

Ma c’è una città, interviene Kublai Kan, di cui non parli mai. È Venezia.

Sorrido.

E di che altro credevate che parlassi?

Non accontentatevi dei racconti, ma andate e conoscete.

Tutto quello che vi ho detto, era solo per invogliarvi a partire.

ABOUT / Marco Polo

Marco Polo (Venezia, 1254 – 8 gennaio 1324) è stato un viaggiatore, ambasciatore e mercante italiano. Nel 1271 si mette in viaggio sulla Via della Seta, insieme al padre e allo zio, per onorare una promessa fatta dal genitore di tornare alla corte di Kublai Kan, re dei Mongoli. Impiega quattro anni per raggiungere il Catài, attraversando Turchia, Persia, Afghanistan, Deserto del Gobi e Cina del Nord. I Polo si fermano diciassette anni alla corte del Kan e Marco diventa consigliere e ambasciatore del sovrano, per poi ritornare a Venezia solo nel 1295. Nel 1298 viene fatto prigioniero dai genovesi, nella guerra tra le Repubbliche Marinare, e in carcere racconta le sue esperienze al compagno di cella, Rustichello da Pisa, che le riporta nel volume La descrizione del mondo. Il valore geografico, storico, narrativo e scientifico del libro fa sì che si diffonda in molte trascrizioni, note soprattutto col titolo Milione, da un soprannome di Marco Polo.

SOULSPECIAL