Marie Curie
La scienziata insignita di due premi Nobel
READ SOULTALE / Infinitamente piccolo, infinitamente potente, infinitamente utile

Mi viene chiesto spesso perché non intervengo, non appaio in pubblico, non godo del mio successo. Perché ho attaccato alla porta del mio laboratorio un cartello in cui prego di non venire a farmi richieste di autografi. Sono considerata scostante e severa. La verità è che sono abbagliata. La verità è che dentro di me c’è ancora il silenzio ovattato della stupefazione. Ho dischiuso le porte di un mondo straordinario e ancora non mi capacito di essere riuscita a cancellare i tanti punti di domanda vergati tra le formule chimiche.

Il mio sguardo si è posato con cautela sui segreti svelati dell’energia sprigionata dalla materia. Mi sono inventata gli strumenti di misurazione per addomesticare le vibrazioni dell’imperscrutabile. Nell’infinita pazienza dell’osservazione e delle rilevazione, nella sorda esitazione della scoperta, tutti i cammini intrecciati nella mia mente si sono incontrati e diramati all’infinito.

Non pensavo di poter trasferire i fili intricati del mio intelletto alle mie dita. Ho sempre voluto affinare il mio sapere in modo impulsivo e insaziabile. Non immaginavo che un giorno avrei padroneggiato le delicatezze della tecnica. Invece sono arrivata a maneggiare l’immensità dell’infinitamente piccolo e a esplorare l’ignoto labirinto che si perde nell’inafferrabile sede della creazione.

Ora mi trovo di fronte alla brutalità di questa guerra che corrode con prepotenza le sottili trame dell’intelligenza e del sapere. È ora pertanto di impugnare gli strumenti benefici e di tamponare la violenza con i mezzi a disposizione. Perché la scienza sarà sempre racchiusa tra le dita di mani di carta. Sta solo a noi decidere se farle prendere fuoco o farla veleggiare verso approdi migliori.

ABOUT / Marie Curie
Public domain.

Marie Sklodowoska, meglio nota come Marie Curie (Varsavia, 7 novembre 1867 – Passy, 4 luglio 1934), è stata una chimica e fisica polacca naturalizzata russa e in seguito francese. Ha scoperto, con il marito Pierre Curie, non uno, ma due elementi chimici e la loro capacità di sprigionare energia. Grazie agli studi eseguiti, la coppia ha dato vita all’era dell’energia radioattiva e atomica, senza prevedere gli usi che ne sarebbero stati fatti. Marie è stata la prima donna a ricevere il premio Nobel e l’unica, nella storia, ad averne ricevuti due. La prima donna a ottenere una cattedra alla Sorbona di Parigi. L’unica donna a partecipare, per diversi anni, al Consiglio Solvay di fisica e di chimica. Durante la prima guerra mondiale ha ideato, con l’aiuto della Croce Rossa, le prime ambulanze radiologiche, dotando semplici automobili di strumenti radiologici alimentati dallo stesso motore. Questo sistema rudimentale ha contribuito a salvare migliaia di vite.

SOULSPECIAL