Nicholas Negroponte
L'informatico che combatte il digital divide
READ SOULTALE / Il tostapane, un giorno, parlerà col frigorifero

Sono nato a New York il 1° dicembre 1943 da una famiglia di origine greca e da sempre ho avuto una grande curiosità e una certa predisposizione a trattare temi legati al mondo dell'informatica e dell'hi-tech.

Ho fatto molte cose nella vita. Nel 1966 ho ottenuto il Master of Arts in Architettura e sono entrato a far parte dello staff della facoltà di Architettura del MIT. Nel 1967 ho fondato l'Architecture Machine Group del MIT, concentrando le mie attenzioni e le mie ricerche su nuovi modelli e nuove interfacce operative tra uomo e macchina.
Ho sempre pensato che la tecnologia e l'informatica fungeranno da supporto al miglioramento generale delle condizioni di vita. Di questo ho scritto su Wired, un magazine dedicato alle moderne tecnologie e al modo in cui queste possono influire sullo sviluppo della società e del mondo, magazine che ho contribuito a far nascere. E di questo ho parlato nelle mie conferenze.

Nel 2005, nel corso del World Summit on Information Society, ho presentato un progetto ambizioso, in cui ho creduto molto: realizzare un computer portatile del costo inferiore ai 100 dollari che possa essere utilizzato nei Paesi in via di sviluppo per aiutare nella riduzione del digital divide e nella diffusione della connettività al web.
Ogni problema globale ha una soluzione che viene dall'educazione. E in molti casi la soluzione è l'educazione stessa.
Se si possono dare laptop connessi a Internet alle scuole di tutti i Paesi, si possono migliorare le condizioni di vita.

Credo nella banda larga e nella sua diffusione. Le cose importanti della vita sono quelle di cui ti accorgi maggiormente quando mancano. Che si tratti della nostra salute, della corrente elettrica che muove città e trasporti o dell’aria che respiriamo, spesso le diamo per scontate. Anche per la banda larga, sarà così.

ABOUT / Nicholas Negroponte

Nicholas Negroponte (New York City, 1 dicembre 1943) è un informatico statunitense. È venuto presto a contatto con l'Europa studiando in un collegio svizzero e si è laureato in Architettura a Boston, presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT). Tra i suoi lavori più importanti vi sono gli studi sul Computer Aided Design (CAD) e la fondazione di un gruppo di pensatori dedicato allo sviluppo di nuove interfacce uomo – macchina, l’Architecture Machine Group. Ha lavorato alla IBM sui progetti del primo personal computer e al dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Assieme a Louis Rossetto, Negroponte ha fondato Wired, una celebre rivista americana di tecnologia e attualità alla quale ha contribuito con un articolo mensile dal 1993 al 1998. Nel 1985, al MIT, fu co-fondatore insieme a Jerome Wiesner di uno dei più prestigiosi laboratori del mondo: il MediaLab.

SOULSPECIAL