Rino Gaetano
Il cantautore figlio unico della canzone italiana
READ SOULTALE / La voce che bacia la musica

Frac. Cilindro. Frac e cilindro.
Camicia rossa a righe. Ironia. Come si fa a guardare la vita senza ironia?
La si guarda, la si canta, la si scrive, la si cerca e la si insegue.
Ci si innamora di lei e la si critica, con la voce che bacia la musica.
Una musica studiata e accorta. Una musica che mi regala la possibilità di comunicare e di lottare.
Secoli di discussioni, di partiti, di alleanze casuali, di amari benedettini, di note alla ricerca del fiuto eccezionale per il tartufo, tra chi vive d’amore e chi muore di invidia o di gelosia ti ti ti ti ti ti ti ti ti ti ti.
C’è più prosa che poesia, di chi non ha mai pagato per fare l’amore e ha vissuto cent’anni senza leggere Freud.
I poeti e il nuovo sound delle balere, insieme ai miei sogni d’anarchia, mi lasciano vedere il cielo sempre più blu.
E poi, com’è bella Aida?
Posso cantarlo fino allo sfinimento e voi potete trovare la vostra Aida, mentre in Italia c’è più prosa che poesia.
Evviva la vita, quella vita dove ancora vi reggae.

ABOUT / Rino Gaetano

Rino Gaetano (Crotone, 29 ottobre 1950 – Roma, 2 giugno 1981), pseudonimo di Salvatore Antonio Gaetano, è stato un cantautore italiano. Non si è mai posto il problema di criticare la classe politica italiana, né di smettere di lottare attraverso i testi delle sue canzoni, contraddistinte da una graffiante ironia. Ha amato Berta, Gianna e Aida. Ha amato suo fratello, figlio unico, e la denuncia sociale. Ha rifiutato sempre ogni tipo di etichetta e, a differenza dei suoi coetanei, ha evitato di schierarsi con un partito.

SOULSPECIAL