Slavoj Žižek
L'intellettuale pop
READ SOULTALE / Sveglia!

Amici postmoderni liberal,
che amate le sintesi brillanti e i pensieri anticonformisti,
che fanno riflettere menti aperte come le vostre!

Avete ideali alti e giusti: il pluralismo, l'ecologia, i diritti civili universali. Avete avuto i mezzi per intuire le gabbie dell'ideologia: non credete ai media mainstream, scrivete su moleskine di carta riciclata e bevete caffè equosolidale che lascia 10 centesimi al contadino guatemalteca. Sapete identificare e criticare il sistema dei mercati internazionali che impongono la crisi finanziaria e siete bravi a parlarne, a dissacrarlo con la vostra ironia. Ma non serve, se non siete in grado di uscirne.

Convincendovi che tutte le altre ideologie sono morte, il capitalismo si è assicurato l'incolumità e la sopravvivenza. Oggi tutti parlano di riscaldamento globale, asteroidi ed esaurimento degli idrocarburi: è più semplice mettere in discussione l'esistenza del pianeta e dell'umanità che quella del capitalismo.

Dopo il '68 vi hanno convinto di poter decidere liberamente e vivere in modo sostenibile all'interno di un capitalismo culturale dal volto umano. Non avete genitori tradizionalisti che vi impongono di studiare o di farvi una posizione sociale. Con i vostri genitori postmoderni, siete voi che scegliete liberamente di fare le stesse identiche cose.

Le imposizioni sono immutate, gli odiati impositori si sono solo resi invisibili. È necessario tornare a percepire l'ideologia che vi permea, che vi ha fatto interiorizzare l'ordine di andare a trovare la nonna o di non trascorrere la notte con un ragazzo prima di esserci uscite diverse volte. L'attuale sistema culturale non dà neanche più l'idea di essere un'ideologia, tanto è radicato in voi. Per quanto critici possiate essere, il vostro stile di vita solidale e biologico vi rende meri consumatori di accettabilità sociale. In questo modo non combattete il sistema: non fate altro che alimentarlo.

Siete come Willy il Coyote che oltrepassa il baratro ma non si rende conto che gli manca il pavimento da sotto i piedi. In parte vi lusinga essere chiamati sognatori, ma ciò da cui dovete risvegliarvi è un incubo. L'uscita dal sistema è una conquista esperienziale, che non non può essere teorizzata né spiegata con ironia nelle pillole di cultura brillanti a voi congeniali. 

Amici postmoderni liberal,
uscite e guardatevi intorno:
è il primo passo per uscire dall'incubo.

ABOUT / Slavoj Žižek
Creative Commons. Author: Andy Miah.

Slavoj Žižek (Lubiana, 21 marzo 1949) è un filosofo e psicanalista sloveno. Promuove il ruolo di intellettuale pubblico – per i detrattori, una popstar accademica – tenendo conferenze divulgative per raggiungere un ampio pubblico. Ha pubblicato oltre 50 libri, tradotti in 20 lingue, su un'ampia gamma di temi, dalla filosofia hegeliana e marxista alla psicanalisi freudiana e lacaniana, fino alla teologia, al cinema e alla politica. È stato candidato – arrivando quasi a vincere – alle prime elezioni democratiche svolte in Slovenia dopo l'indipendenza nel 1990. Insegna in università in Slovenia, Inghilterra e Svizzera. Nel 2005 è stato girato un documentario su di lui, intitolato Zizek!

SOULSPECIAL