Sof'ja Vasil'evna Kovalevskaja
La matematica dall'estro poetico
READ SOULTALE / Davanti a Van Gogh

...pennellate che si ispirano al puntinismo iniziano a diventare quasi spiraliformi, sono l'indice di un paesaggio piuttosto tormentato. La natura è inquietante, carica, forte… Il potere evocativo di questo dipinto richiama emozioni intense che ognuno di noi può riempire a sua discrezione. Sembra un paesaggio semplice, con un cipresso, ma a osservarlo bene, c’è poi il paesino, una montagna, un uliveto e... tutto il resto è cielo! Un cielo intenso, ricco di stelle che sembrano comete.

Tutto è in movimento in questo quadro.

Ricorda un po’ la natura romantica, quella maligna, certo, che nella sua intrinsecità sovrasta  l’uomo.

Ho sempre amato l'arte, oltre alla matematica e a qualsiasi calcolo o teorema proprio perchè, nel baratro che divide queste due realtà, mi tuffo e mi perdo ritrovando me stessa. Alle volte penso a questi due mondi che, in qualche modo, mi penetrano e mi accorgo alla fine di considerarli due bellezze tanto lontane quanto inseparabili. Li vivo come due facce della stessa medaglia, una rappresentante l'apollineo e l'altra il dionisiaco, l'una la razionalità e l'altra l'emozione.
 
Ed è questa opposizione che mi affascina, che fa divenire Luogo quel baratro in cui mi perdo e mi ritrovo in un intreccio d'Amore, Mistero, Mito, Genialità, Ribellione, Anelito… Diviene luogo privato, ma nel contempo comune: in esso, infatti, ognuno può esprimere le proprie interiorità e le proprie sensazioni, siano esse di gioia o paura, di rabbia o sorpresa. Ed ecco che allora diviene espressione del sé e condivisione di altri vissuti. Sembra quasi divenire Luogo per un gioco che non ha mai termine, infinito, vitale, unico.
 
E in questo gioco si intrecciano fantasia, immaginazione e creatività che, accanto all'estro dell'artista o all'intuizione del matematico, permettono di abbandonare la concretezza del quotidiano e di alzarsi in volo verso l'astrazione, il pensiero, la libertà… in una sorta d'irrazionale rigenerazione umana, troppo umana.

A te, Sofia, desidero spiegare questo.
 

 

ABOUT / Sof'ja Vasil'evna Kovalevskaja

Sof'ja Vasil'evna Kovalevskaja (Mosca, 15 gennaio del 1850 – Stoccolma, 10 febbraio 1891) è stata una matematica, attivista e scrittrice russa. Figlia d'arte per quel che riguarda il mondo scientifico, viaggiò parecchio per approfondire i suoi interessi. Vinse diversi premi ma ciò che caratterizzò di più la sua vita fu l'assegnazione, come prima donna in Europa, di un dottorato in Matematica. Non solo. Nel prosieguo della vita, divenne anche la prima docente universitaria in questa disciplina. Grazie alle sue eccezionali doti matematiche, la Kovalevskaja poté raggiungere alte vette in questo ambito; eppure, essendo una natura vivace e passionale, non bastarono le ricerche e la fama raggiunta a farla sentire completamente appagata nelle sue aspirazioni. Approfondì in diversi modi persino il campo umanistico. Nella sua tormentata vita sentimentale ebbe una figlia che chiamò Sofia.

SOULSPECIAL