Thomas Stearns Eliot
Il poeta modernista del rifiuto al passato
READ SOULTALE / Ricordi al passato, occhi al futuro

Ti ho lasciata andare ed era come un labirinto troppo complicato.
Mai nessun filo logico ma, Vivienne, ti ho amato davvero.
È soprattutto alla sera che ti penso, quell’attimo prima di addormentarmi.
Ripenso a quando ti ho incontrato, alla tua bellezza e alla tua poca borghesia.
Tutti mi dicevano: È volgare. Ma io rispondevo: È un’eccezione.
Forse eri troppo eccezionale Vivienne e io ingenuamente non potevo sospettare della forza che avresti sprigionato.
La nostra relazione è stata un ring quotidiano con i tuoi eccessi, i tuoi sfoghi, le tue manie.
E io dov’ero Vivienne? Dietro ai tuoi squilibri, a scrivere poesie.
Mi hai incontrato uomo e mi hai lasciato poeta. Mi ripeto continuamente se potrò perdonarmi e lasciarmi alle spalle quel peso, il senso di non aver fatto abbastanza, la paura di non averti saputo ascoltare. Ti ho sposata e tu eri follemente presa da me, anche quando mi sono lasciato sconfiggere dalle tue instabilità.
Non importa più, Vivienne.
Quando ho deciso di separarmi da te, io sono andato avanti mentre tu ti sei chiusa nella tua gabbia, in quell’ospedale, tra ricordi passati e dubbi irrisolti.
Io ho guardato di nuovo in faccia l’amore, tu ti sei sepolta sotto devastanti pulsioni di morte.
E la colpa per la tua perdita mi accompagna e non mi lascia andare.
Un’ombra che ti insegue.
Sei tu, Vivienne.

ABOUT / Thomas Stearns Eliot

Thomas Stearns Eliot (Saint Louis, 26 Settembre 1888 – Londra, 4 gennaio 1965) è stato un poeta, saggista, critico letterario e drammaturgo statunitense naturalizzato britannico. Premiato nel 1948 con il Nobel per la letteratura, è stato autore di diversi poemi, alcuni dei quali destinati al teatro. Tra le sue opere ricordiamo La terra desolata, Quattro quartetti, Assassinio nella cattedrale, Cocktail Party. Uno dei fatti che ha caratterizzato la sua vita è la separazione dalla prima moglie Vivienne Haigh-Wood nel 1927. La donna, una ballerina che già soffriva di problemi mentali, venne ricoverata in un istituto dove morì nel 1947. La sua morte lasciò per sempre un senso di colpa nell'animo del poeta, anche se si risposò nel 1957. L’opera di Eliot appartiene al contesto del cosiddetto modernismo, movimento che si è sviluppato dal 1912 alla seconda guerra mondiale, che denuncia la crisi della cultura occidentale, l’alienazione, il senso di solitudine dell’artista in un mondo scientifico, il rifiuto del passato e la rottura della tradizione.

SOULSPECIAL